Posted on 01-07-2020
Argomento: (News) by info@cifo.eu

cifonet2020Con ben 33 collezioni esposte parte da oggi (Mercoledì 1 Luglio) la mostra virtuale CIFO@Net, le collezioni sono visibili nella sezione apposita CIFO@Net 2020.

Potete quindi votare la Vostra collezione preferita inviando una mail a segreteria@cifo.eu, indicando nell’oggetto “CifoNet2020”, e nel corpo del messaggio il nome dell’espositore, il titolo della collezione e Vostro nome e cognome.
Attenzione!, non saranno validi voti pervenuti dallo stesso indirizzo e-mail, o da e-mail diverse ma inviate dalla stessa persona, non saranno prese in considerazione le mail non compilate regolarmente.
Le votazioni si chiuderanno Lunedì 31 Agosto alle ore 24.00, inoltre le prime tre collezioni votate dal pubblico, indipendentemente dal risultato finale, riceveranno un premio speciale. Le premiazioni sia per la sezione “gradimendo del pubblico” che per i risultati valutati dalla giuria composta da Luca Lavagnino, Claudio Ernesto Manzati, Aniello Veneri e Giorgio Khouzam avverranno se non diversamente possibile per via telematica e postale, le indicazioni di allerta per il Covid19 saranno la linea guida che seguiremo sperando che in Ottobre ci si possa incontrare e celebrare i vincitori con i giusti festeggiamenti.

(0) Comments    Read More   
Posted on 29-06-2020
Argomento: (News) by info@cifo.eu

20200629 Francobollo Europa 2020_B1
20200629 Francobollo Europa 2020_BL’esperienza della Seconda Guerra Mondiale provocò una profonda lacerazione nel territorio europeo, lasciando significativi segni nel tessuto sociale ed economico degli Stati coinvolti. Eppure da tale esperienza nacque fin da subito il progetto, ancora in fieri, di creare una nazione Europa costituita dalla confederazione degli Stati nazionali, sul modello degli U.S.A., per prevenire con politiche economiche, commerciali e sociali il ripetersi dell’esperienza del recente conflitto bellico.

Numerosi furono gli accordi commerciali ed i trattati che portarono all’istituzione di organismi e organizzazioni comuni, così come furono numerose le iniziative culturali per sostenere e rafforzare nei popoli il nascente spirito europeo. Tra queste, in ambito filatelico, l’istituzione di una emissione annuale di francobolli congiunta tra tutti i Paesi europei.

La prima emissione fu quella dedicata all’Europa e alla sua costruzione, come simboleggiato dalla vignetta dei due valori, emessi il 15 settembre 1956 dalle Amministrazioni Postali dei sei Paesi appartenenti alla CECA, Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio (Belgio, Francia, Repubblica Federale di Germania, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi).

Con l’istituzione della CEPT, la Conferenza Europea delle Amministrazioni delle Poste e Telecomunicazioni, nata nel 1959 con lo scopo di uniformare sul territorio europeo le norme del servizio postale, l’emissione congiunta dedicata all’Europa, che avvenne nel 1960, interessò tutti i 19 Paesi aderenti alla Conferenza.
Le emissioni Europa – CEPT mantennero dapprima la consuetudine istituita nel 1956, di utilizzare una vignetta comune a tutti i Paesi fino al 1974, anno nel quale, con l’emissione del 29 aprile, fu deciso di lasciare ad ogni Paese emittente la libertà di interpretare nelle vignette un tema comune. Da allora, l’emissione dedicata all’Europa, non solo continua a favorire il rafforzamento dello spirito europeo, ma contribuisce anche alla conoscenza delle peculiarità di ogni singolo Stato membro.

E quest’anno, in occasione della 65ª emissione, il tema scelto, gli antichi itinerari postali, offre a tutti gli europei l’occasione di comprendere meglio quanto, secoli prima della politica, le comunicazioni postali abbiano saputo unire i diversi popoli. E a noi italiani offre l’occasione di riscoprire l’orgoglio dell’enorme contributo, in termini di cultura di innovazione, che l’Italia ha dato alla nascita della modernità.

E’ l’Italia del Rinascimento la patria del sistema postale, di un sistema di trasporto della corrispondenza organizzato in “poste”, stazioni lungo le vie di transito dove i corrieri a piedi o a cavallo potevano fermarsi nel percorso di consegna della corrispondenza, scomponendo così l’itinerario in tappe e, all’occorrenza effettuare il cambio degli animali per mantenere costante l’andatura.

Ed è sempre l’Italia la patria di Francesco Tasso, capostipite della famiglia Tasso di Cornello, che tra la fine del Quattrocento e gli inizi del Cinquecento, avviò ed organizzò il sistema postale asburgico, collegando in maniera sistematica le principali città in Europa, gettando le basi per la nascita delle moderne poste europee.

Fabio Gregori – Responsabile Filatelia -Corporate Affairs

(0) Comments    Read More   
Posted on 28-06-2020
Argomento: (News) by info@cifo.eu

Untitle8d

Eccomi con un nuovo appuntamento della rubrica del CIFO “Il we del Presidente” !

Buona Visione!

Untitled

(0) Comments    Read More   
Posted on 27-06-2020
Argomento: (News) by info@cifo.eu

Milanofil2019

Luca Lavagnino, delegato della Federazione a Mostre e Giurie, ci informa che Ooste Italiane ha annunciato la definitiva cancellazione della manifestazione Milanofil 2020 e che la prossima edizione è prevista per marzo 2021.


Conseguentemente con l’annullamento della manifestazione, ne consegue che anche l’esposizione federale, per la quale erano state inoltrate domande di partecipazione e pagato la relativa quota quadri, non potrà tenersi.



La FSFI ha quindi deciso che:

– Le iscrizioni all’esposizione Milano 2020 sono cancellate

– L’esposizione che si svolgerà a marzo 2021 in concomitanza con Milanofil avrà le stesse classi che erano previste nel 2020, cioè aerofilatelia, astrofilatelia, filatelia aperta, filatelia tematica

– Chiunque vorrà partecipare a Milano 2021 dovrà inviare nuovamente la domanda di iscrizione, su modulo che sarà reso disponibile su un nuovo sito internet ad hoc nell’area esposizione del sito Fsfi, oppure su un prossimo numero di Qui Filatelia

– Per facilitare le operazioni, le quote quadri versate per Milano 2020 saranno trattenute a titolo di bonus per future esposizioni federali, a meno che qualcuno tra voi non sia contrario e ne voglia la restituzione ora. Eventuali crediti o debiti rispetto al bonus saranno gestiti a tempo debito.


Purtroppo questa è l’ultima cancellazione, in ordine di tempo a seguito di COVID, ho piacere di ricordare che:

IL COVID NON FERMA IL CIFO!

Ricordo che quest’anno il CIFO@Net rappresenta l’unica possibilità espositiva per il 2020 e dal 1° luglio sarà possibile visionare le collezioni a concorso e quindi votarle da parte del pubblico. BUONA VISIONE A TUTTI

Claudio Ernesto Manzati – PAST PRESIDENT CIFO 2008-2020

(0) Comments    Read More   
Posted on 24-06-2020
Argomento: (News) by info@cifo.eu

unnamedDal primo Luglio 2020 potrete visionare le collezioni esposte e votare la Vostra preferita, preparatevi a mandare la preferenza tramite e-mail. Le collezioni sono tante, 33 e tutte interessanti. Non sarà facile decidere ma sicuramente vi divertirete a sfogliarle ed apprezzarle. Stay Tuned!

(0) Comments    Read More   
Posted on 22-06-2020
Argomento: (News) by info@cifo.eu

TORRE FRONTETORRE RETROIl Circolo Puccini, ci informa per i 200 anni della proclamazione di Viareggio a città, la creazione in tiratura limitata 50 pezzi numerati di una bella cartolina postale come da immagine allegata.

Il ricavato sarà devoluto in beneficenza all’associazione ‘il Germoglio’.

Chi fose interessato all’acquisto, può fare richiesta via mail direttamente Circolo Filatelico Puccini

filatelicopuccini@gmail.com

Claudio Ernesto Manzati

(0) Comments    Read More   
Posted on 21-06-2020
Argomento: (News) by info@cifo.eu

Untitled

Eccomi con un nuovo appuntamento della rubrica del CIFO “Il we del Presidente”!

Buona Visione!

s-l1600

(0) Comments    Read More   
Posted on 14-06-2020
Argomento: (News) by info@cifo.eu

3. we

Eccomi con un nuovo appuntamento della rubrica del CIFO “Il we del Presidente”!

Buona Visione!

TD_s48_17

(0) Comments    Read More   
Posted on 07-06-2020
Argomento: (News) by info@cifo.eu

3. we

Eccomi con un nuovo appuntamento della rubrica del CIFO “Il we del Presidente”!

Buona Visione!

20. 23 gen 31,50 max1961beo

(0) Comments    Read More   
Posted on 06-06-2020
Argomento: (News) by info@cifo.eu

logo2 (2)
Durante e dopo la prima Guerra Mondiale, tutti gli archivi avevano l’obbligo di consegnare gli scarti ed il non necessario alla Croce Rossa

Il Gruppo di Modena, da circa cinque anni è promotore ed animatore di una iniziativa a favore del “mondo della Filatelia”, in difesa del collezionismo. L’iniziativa ha incontrato favorevoli opinioni ed ha ottenuto un importante risultato riuscendo addirittura a ricompattare tutte le associazioni per poter finalizzare il “lavorare insieme” al fine di produrre un circostanziato “esposto” relativo alla complessa problematicità delle lettere Prefilateliche e Filateliche.

Da anni, non solo su Internet, ma anche durante esposizioni nazionali di filatelia e perfino in corso di Convegni Filatelici, si verificano sequestri di lettere o collezioni; sequestri promossi da Sovrintendenti o da altri funzionari pubblici.
RENDIAMO NOTO SUBITO A CHIARE LETTERE, che, relativamente al materiale che veniva sequestrato, non esistevano dichiarazioni pregresse di furto.
Il sequestro avveniva per assunto di presunzione che le lettere in oggetto, erano sequestrabili in quanto, in passato, appartenute ad archivi pubblici.
Con ricerche minuziose ed accurate abbiamo dimostrato che a far data dalla costituzione del Regno d’Italia, fu avviata la licitazione pubblica di milioni o meglio centinaia di chili di lettere, resa nota con Bando d’Asta pubblica.
IMG_4367



A lato l’immagine di uno degli incontri del gruppo di Modena, tenutosi a Borgotaro il 10 Agosto 2017.





Abbiamo altresì dimostrato che durante e dopo la prima Guerra Mondiale, tutti gli archivi avevano l’obbligo di consegnare “gli scarti” ed il non necessario alla Croce Rossa, autorizzata all’uopo, a venderli ed autofinanziarsi. Questo per decine di anni!..

Inoltre, a buona memoria, ricordiamo che tutte le lettere affrancate con francobolli o in forma di lettera involucro, neppure entravano in archivio in quanto veniva conservato il documento e non l’involucro.
Queste lettere ora sequestrate, di sicuro sono state regolarmente acquistate da nonni collezionisti, che, lasciandole in eredità, hanno permesso poi a noi non solo di continuare a collezionare, ma soprattutto di studiare la Storia Postale. Migliaia di libri sono stati scritti grazie a queste lettere conservate scrupolosamente dai collezionisti.

Ci siamo recati in delegazione a Roma varie volte per cercare di trovare una soluzione che tutelasse tutti, cosicché, infine, il Dottor Famiglietti direttore Generale di tutti gli archivisti, ha emesso una circolare per chiarire almeno i concetti più importanti.

Ma anche questa Circolare è stata disattesa ed i sequestri sono continuati.

IMG_4316



A lato l’immagine della delegazione recatasi a Roma al MiBACT il 17 luglio 2017.






Siamo un mondo che idealmente unisce probabilmente, circa un milione di collezionisti, quindi, prendendo atto che purtroppo si tardava ad intervenire, abbiamo preso la decisione di sollecitare più volte i rappresentanti delle varie associazioni (350 Circoli filatelici, 250 Associazioni, Collezionisti, Commercianti, Periti Filatelici, Editori di Cataloghi, Testate Filateliche ecc.), per far sentire la nostra VOCE.

Finalmente questo Mondo ricompattato della Filatelia (ci teniamo a ricordare di oltre un milione di cittadini collezionisti) si è mosso, inviando un Esposto nel quale si illustrano e si documentano gli avvenimenti citati e si chiarisce in modo palese che la filatelia tutta, a causa di questi sequestri immotivati, è stata gravemente danneggiata, e che persistendo questi atteggiamenti, cercheremo di tutelarci in termini di legge.

Speriamo che tutto questo possa risultare sufficiente a chiarire situazioni, peraltro mai rese intellegibili a livello ufficiale.

Giuseppe Buffagni – Gruppo di Modena

Articolo pubblicato il 5 giugno c.a. su La Pressa www.lapressa.it

(0) Comments    Read More